Scarpe sulle rive del Danubio

di
Scarpe sulla rive del Danubio, Budapest © Nikodem Nijaki

Scarpe sulla rive del Danubio, Budapest © Nikodem Nijaki

Nella nebbia fredda di Budapest, le Scarpe sulle rive del Danubio camminano immobili lungo la riva del grande fiume: sessanta paia di calzature in bronzo, distese su quaranta metri in ferro della banchina dalla parte di Pest.

Arrugginite e logorate sembrano lì da sempre, lasciate per forza da chi non c’è più. E invece sono state tutte create nel 2005 dal regista ungherese Can Togay e dall’amico scultore Gyula Pauer.

Realizzate non lontano dal ponte delle Catene e dal Parlamento, le Scarpe sulle rive del Danubio sono un’opera artistica a memoria del massacro di cittadini ebrei compiuto dal partito delle Croci Frecciate durante il secondo conflitto mondiale.

Anch’essi ungheresi, questi miliziani collaborarono con i nazisti per la deportazione e sterminio di migliaia di loro concittadini di fede ebraica. Nell’ultimo periodo della guerra, tra il ’44 e il ’45, decisero di sterminarli già a Budapest.

Imprigionati nelle loro stesse case, gli ebrei vennero poi trascinati a forza lungo il fiume. Costretti a lasciare le scarpe sulle rive del Danubio, venivano legati a gruppi di tre: la persona al centro, freddata con un colpo di pistola, trascinava con sé gli altri due in acqua.

La ferocia delle Croci Frecciate non risparmiava nessuno: uomini, donne, anziani e bambini dovevano morire. E morivano a frotte per mano di persone della stessa nazionalità.

La motivazione dell’opera di Can Togay e Gyula Pauer, svelata al pubblico il 16 aprile 2005, è racchiusa in poche parole in tre differenti punti lungo i quaranta metri dove si trovano le Scarpe sulle rive del Danubio.

Le placche incise in ungherese, inglese ed ebraico riportano una breve frase: “Alla memoria delle vittime sparate nel Danubio dai miliziani del partito delle Croci Frecciate nel 1944-45”.

Su una delle calzature della scultura, qualcuno ha lasciato un fiore rosso: pochi petali soltanto umidi di nebbia fredda e un pensiero per non dimenticare.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Scarpe sulle rive del Danubio"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...